Piano Regolatore Generale: più servizi ai cittadini.

novembre 2007

Un territorio vasto è di certo una risorsa, ma la sua gestione non è priva di insidie, specie quando è necessario mettere ordine agli effetti di scelte compiute in assenza di un quadro normativo certo. Il 28 Settembre 2007, la città di Siracusa è stata dotata, dopo 70 anni, del Piano Regolatore Generale (PRG). Per il nuovo PRG, che conta un'estensione di 208 km quadrati, l’amministrazione comunale e la giunta guidata dal Sindaco Giambattista Bufardeci si sono dati un obiettivo prioritario: dotare Siracusa di servizi.

I parametri generali erano già contenuti nel decreto interministeriale 1.444 del 1968, ma non avevano mai trovato applicazione. La legge prevede che per ogni abitante, nella zona già edificata, 9 metri quadrati debbano essere dedicate a servizi, valore che sale e 18 per le aree in via di espansione. Oggi il dato medio è di 3,2 metri quadrati, spazio in cui sono compresi 4 categorie di servizi: le attrezzature scolastiche (denominate S1), le attrezzature di interesse collettivo (S2), verde (S3) e parcheggi (S4).

Secondo il nuovo piano, non solo saranno rispettati i parametri previsti per legge, ma si otterrà un esubero di aree per servizi quantificato in 328.800 metri quadrati per la zona già edificata, compresa la frazione di Belvedere; poco meno di 98.600 metri quadrati per fascia costiera verso sud; poco più di 10.000 metri quadrati per la frazione di Cassibile. Il nuovo PRG prevede inoltre altre zone da dedicare a sevizi. Sono le cosiddette F2 ed F3, che comprendono il parco delle Mura Dionigiane, e le FS1 ed FS2, destinate rispettivamente ai servizi ospedalieri e alle aree dedicate alla costruzione di edifici scolastici di istruzione secondaria superiore.

Piano Regolatore Generale (pdf)






il nuovo Piano Regolatore Generale (PRG)